Tumore del collo dell’utero e prevenzione, in Piemonte il progetto HPV

Si è parlato di Papillomavirus (HPV) nel webinar Progetto HPV. Il Piemonte per la prevenzione del tumore del collo dell’uteroorganizzato da Motore Sanità, con il patrocinio dell’Associazione per la Prevenzione e la Cura dei Tumori in Piemonte Odv e con la partecipazione della Presidente Giulia Gioda, che ha portato il messaggio della prevenzione, presentando la nuova campagna di comunicazione e di sensibilizzazione sulla prevenzione delle malattie oncologiche.

“Siamo al fianco delle persone e delle istituzioni per diffondere il messaggio della prevenzione. Siamo al fianco delle persone con una nuova campagna di comunicazione e di sensibilizzazione per andare diritto al nostro obiettivo, rafforzare la prevenzione e la diagnosi precoce dei tumori ed incentivarne lo studio e la ricerca. La buona notizia è che ripartiranno anche le visite di prevenzione” ha spiegato la Presidente.

“Sosteniamo le attività sanitarie pubbliche per diffondere la cultura della prevenzione. Oggi è necessario arrivare alla gente con una nuova comunicazione per la prevenzione dei tumori, perché soprattutto nel periodo pandemico molte visite si sono fermate e le persone hanno fatto meno prevenzione, prese dal timore di entrare negli ospedali o negli studi mediciOggi è tempo di riprendere a fare prevenzione e a comunicare la necessità di prevenire le malattie oncologiche, anche perché ci stiamo avviando ad una nuova normalità che comprende la coesistenza con il Covid-19“.

Il video del webinar Progetto HPV. Il Piemonte per la prevenzione del tumore del collo dell’utero

Il Consiglio Regionale del Piemonte ha aderito il 17 novembre 2021 all’invito dell’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) di illuminare di colore “teal” (foglia di tè) Palazzo Lascaris, sede del governo regionale, in occasione del primo anniversario del lancio della “Strategia globale per l’eliminazione del carcinoma della cervice uterina entro il 2030”. Il tumore della cervice uterina è una delle patologie che più riflettono le diseguaglianze sociali. Infatti, nelle aree in cui sono attivi programmi organizzati di screening della popolazione, la mortalità ha raggiunto i minimi storici, mentre dove tali interventi sono sporadici o assenti, il tumore del collo dell’utero rappresenta la quarta causa di morte per cancro raggiungendo il numero di 300.000 vittime al mondo per anno per lo più in donne giovani.

Essendo il cancro della cervice ampiamente prevenibile e curabile grazie a campagne di screening, l’OMS ha lanciato una strategia globale per l’eliminazione del tumore del collo dell’utero, che ha l’obiettivo finale di portare la mortalità per questa patologia al di sotto della soglia di 4 ogni 100.000 donne. L’iniziativa si incardina su tre pilastri da raggiungere entro il 2030: – vaccinazione – target 90% delle ragazze vaccinate in modo completo contro l’HPV entro i 15 anni d’età; – screening – target 70% delle donne con un test ad alta performance entro i 35 anni d’età e poi ancora una volta entro i 45 anni; – trattamento – target 90% delle donne con una lesione pre-cancerosa trattate e 90% delle donne con tumore invasivo inviate a intervento e/o terapia.

Per quanto riguarda la situazione nel nostro paese e in regione Piemonte, si stima che in un anno si verifichino circa 1.500 nuovi casi e 700 decessi ed in Piemonte circa 200 nuovi casi e 45 decessi. I programmi di screening piemontesi universalistici e gratuiti, attuati tramite il programma Prevenzione Serena, prevedono l’esecuzione di Pap test ogni 3 anni nelle donne di età compresa fra i 25 e i 29 anni; test per la ricerca del DNA di HPV (test HPV) ogni 5 anni nelle donne di età compresa fra i 30 e i 64 anni.

Potrebbero interessarti anche

Assemblea dei Soci

Ai sensi dell’art. 11 del vigente Statuto è indetta l’Assemblea Ordinaria dei Soci dell’Associazione per la Prevenzione e la Cura dei Tumori in Piemonte –

Continua a leggere
logo-Prevenzione