Il blog della Prevenzione

Tumore al seno: perché fare la mammografia

Si torna a parlare di tumore al seno e in particolare di diagnosi precoce, che per questa patologia è rappresentata dalla mammografia,un esame radiologico eseguito in tecnica digitale con basse dosi di radiazioni ionizzanti. Lo scopo dello screening mammografico è individuare tumori maligni riconoscibili ai raggi X. In Regione Piemonte il programma “Prevenzione Serena” offre gratuitamente ai cittadinilo screening per la prevenzione e la diagnosi precoce del tumore del seno, del collo dell’utero e del colon-retto. “Lo screening è importante perché può permettere di anticipare la diagnosi e la cura del tumore, consentendo in genere interventi chirurgici più semplici” spiega la Dottoressa Marinella Mistrangelo,

CONTINUA A LEGGERE

L’Associazione è nelle piazze con le “mele della vita”, sabato 16 e domenica 17 ottobre

Le “mele della vita” dell’Associazione per la Prevenzione e la Cura dei Tumori in Piemonte ODV stanno per arrivare nelle piazze di Torino e Provincia. La campagna di raccolta fondi “La prevenzione dà buoni frutti, cogli la mela della vita” vi dà appuntamento nelle piazze a partire da sabato 16 e domenica 17 Ottobre. Le offerte raccolte rappresentano uno dei principali mezzi per finanziare le attività dell’Associazione.  La manifestazione è organizzata in collaborazione con Nova Coop e Coop senza le quali tutto ciò non potrebbe essere realizzato. Fondamentale è anche l’aiuto dell’A.N.A. (Associazione Nazionale Alpini) che, insieme ai volontari dell’Associazione e ai Volontari selezionati dal Settore Decentramento e

CONTINUA A LEGGERE

Le nuove terapie in oncologia: elevata precisione, migliori risposte cliniche e minore tossicità

La ricerca farmacologica in oncologica sta procedendo a grandi passi nonostante il forte impatto sull’oncologia della pandemia da Covid-19. Nel corso del 2020 sono stati autorizzati a livello europeo 72 nuovi medicinali per la cura del cancro: 45 contenenti nuove sostanze attive (20 farmaci orfani per malattie rare e 25 non orfani), 12 biosimilari e 15 medicinali equivalenti. Di questi 72 farmaci tre sono terapie avanzate, tutte geniche. Le neoplasie che si sono giovate maggiormente di questi progressi in campo farmacologico sono melanoma, tumore polmonare, tumore mammella, tumore dell’ovaio e neoplasie rare del tratto gastrointestinale (GIST). L’oncologia è sempre più

CONTINUA A LEGGERE

Dal 19 maggio, ogni mercoledì, dalle 17,30 alle 18, si parla di corretti stili di vita

Appuntamento mercoledì 19 maggio con il Professor Oscar BERTETTO, Presidente del Comitato Scientifico dell’Associazione Prevenzione Tumori e già Direttore della Rete Oncologica di Piemonte e Valle d’Aosta illustrerà: “La cellula tumorale” Gli ascoltatori potranno formulare le loro domande scrivendo a comunicazione@prevenzionetumori.org e trovare le risposte che cercano con l’aiuto degli esperti. IL CALENDARIO:  Mercoledì 26 maggio, ore 17,30 – 18: Professor Oscar BERTETTO: “La malattia tumorale” Mercoledì 9 giugno,  ore 17,30 – 18: Professor Oscar BERTETTO: I presupposti della prevenzione“. Quante volte abbiamo sentito parlare di stili di vita corretti da adottare per vivere bene e più a lungo? E per prevenire malattie importanti come i tumori? Certamente sì, ma

CONTINUA A LEGGERE

Il tumore anale: i principali fattori di rischio. Il Papillomavirus è responsabile di circa il 90% dei carcinomi dell’ano

I tumori dell’ano sono relativamente rari e rappresentano il 2.5% dei tumori dell’apparato digerente. Dai dati riportati dall’AIRC (Foundation for Cancer Research) in Italia si registrano poco più di 1.000 casi l’anno, 450 negli uomini e 650 nelle donne, (dati del 2016). Negli Stati Uniti sono stati osservati 8.590 nuovi casi nel 2020 (2.690 uomini e 5.900 donne) con 1.350 decessi attribuibili a tale tipo di neoplasia. Gli studi Americani hanno inoltre evidenziato un incremento dell’incidenza del cancro dell’ano del 2.7% per anno negli anni compresi tra il 2001 e il 2015. L’incremento è stato del 2.2% nella popolazione maschile e

CONTINUA A LEGGERE

Il melanoma, il tumore della pelle più aggressivo: attenzione alle scottature solari e ai nevi sospetti

Il melanoma è il più aggressivo e temuto tumore della pelle, con un’incidenza più che raddoppiata negli ultimi 30 anni: in Italia sono oltre 100.000 le persone colpite e 10.000 i nuovi casi ogni anno. Il melanoma sta diventando sempre più frequente tra i giovani adulti di 20-30 anni e rappresenta in Italia attualmente il terzo tumore più frequente in entrambi i sessi al di sotto dei 50 anni, nel maschio dopo tiroide e testicolo, nella donna dopo mammella e tiroide. L’esposizione ai raggi UV del sole e delle fonti artificiali è il principale fattore di rischio.  Nel 2020 in Italia sono attese circa

CONTINUA A LEGGERE
logo-Prevenzione